Routine di cura della pelle oggi: La giusta cura della pelle per la "faccia da quarantena" irritata

Routine di cura della pelle durante il Corona Lockdown

Inhaltsverzeichnis

Routine di cura della pelle durante il Corona Lockdown.

Molto tempo a casa e il continuo fissare lo schermo possono avere un effetto negativo sull'aspetto della pelle. Cosa dovresti considerare per la tua routine di cura della pelle ora - e quando la protezione solare in ufficio a casa ha senso.

Dopo quasi due mesi di emergenza, anche la pelle dovrebbe essersene accorta: C'è qualcosa di diverso. Meno sole e aria fresca, più spuntini e ore davanti allo schermo, nuove abitudini e routine cambiate modellano la vita quotidiana e si possono notare anche nella carnagione. Una panoramica delle domande e dei consigli più importanti.

Come può l'autoisolamento influenzare l'aspetto della pelle?

Chi trascorre più tempo del solito in casa, da un lato sfugge alle influenze ambientali nocive come i gas di scarico delle auto o il troppo sole. Tuttavia, le nuove condizioni per la pelle non sono ideali.

"Per molte persone, una "faccia da quarantena" significa attualmente una pelle disidratata, irritata e soprattutto infiammata", dice Barbara Sturm, dottoressa in medicina estetica e imprenditrice di cosmetici di Düsseldorf, che sta discutendo il tema della cura della pelle in una serie di video interviste chiamate "Skin School" con star come Hailey Bieber ed Emma Roberts.

"L'aria cattiva in casa, il "tempo dello schermo" significativamente più lungo, lo stress e la tensione emotiva sono una sfida per la nostra pelle. Questi fattori possono portare rapidamente all'acne o ad altri disturbi della pelle", dice. Christoph Liebich, dermatologo presso lo studio dermatologico Dermazent di Monaco di Baviera, osserva anche irritazioni e irritazioni in pazienti con pelle sensibile causate dal costante utilizzo di maschere e dalla conseguente umidità sulla pelle.

"Si dovrebbe indossare la maschera solo per il tempo necessario e poi toglierla in modo che la pelle possa respirare di nuovo", dice. Raccomanda anche di non indossare trucco o creme per la pelle molto ricche sotto la maschera, perché questo potrebbe favorire la traspirazione.

A cosa dovrei prestare attenzione ora quando si tratta di cura della pelle?

Secondo Liebich, chi ha seguito un programma di cura della pelle che ha fatto bene alla propria pelle prima non dovrebbe cambiare molto. Rimozione del trucco, lavare il viso, forse un peeling e applicare una crema idratante regolarmente: tutte queste cose sono ancora importanti.

Barbara Sturm vede come positivo da un lato il fatto di avere più tempo per la cura, ma dall'altro non si dovrebbe esagerare ed estendere la propria routine personale con più e nuovi prodotti. "Ora è anche un momento importante per la disciplina - per una routine di cura che guarisce e coccola la pelle. Gli esperimenti sono piuttosto controproducenti", dice Sturm. "Molto non sempre aiuta molto". Per coloro la cui pelle è irritata e irritabile, raccomanda l'uso regolare di un maschera idratante.

Devo applicare una crema di protezione solare all'interno?

Secondo Barbara Sturm, anche coloro che non escono di casa la mattina per la giornata lavorativa dovrebbero trattare la loro pelle quotidianamente con un prodotto per la cura della pelle con un alto fattore di protezione solare per prevenire l'invecchiamento della pelle.

Il dermatologo Liebich sottolinea che la protezione solare in casa è veramente necessaria solo se il posto di lavoro è vicino a una finestra. "I raggi UV-A penetrano attraverso la finestra, non c'è dubbio che si dovrebbe usare qualcosa lì".

Che influenza ha lavorare per lunghi periodi sul monitor di un PC?

La soluzione contro l'invecchiamento digitale Selfie COSMETIC
Selfie COSMETIC è il segreto di bellezza di influencer e star internazionali.

Oltre ai raggi UV, Barbara Sturm è particolarmente interessata a un altro tipo di luce: il cosiddetto luce blu emessi da schermi digitali, tablet, computer portatili o smartphone, il che è particolarmente duro per il couch potato auto-isolato.

Questi raggi indotti artificialmente sono anche conosciuti come luce HEV (un'abbreviazione che sta per "visibile ad alta energia") e sono considerati particolarmente energetici. "HEV penetra altrettanto profondamente attraverso gli strati della pelle e può essere altrettanto dannoso per la pelle come i raggi ultravioletti", dice Sturm. Diversi studi, per esempio da parte di ricercatori dell'Università del New Mexico, mostrano che i radicali liberi rilasciati dalle radiazioni HEV possono distruggere le strutture cellulari e anche influenzare la sintesi delle proteine della pelle stessa, come il collagene e l'elastina, che insieme assicurano l'elasticità e la stabilità della pelle.

I rischi del troppo "screen time": invecchiamento prematuro della pelle, secchezza, rughe, disturbi della pigmentazione e cedimenti. Chi ha una routine quotidiana dominata dagli aggiornamenti mattutini di Instagram, dalle riunioni con lo zoom, da un happy hour virtuale e dalle serate su Netflix dovrebbe considerare l'integrazione di momenti senza schermo da qualche parte.

Nel frattempo, ci sono anche prodotti per la cura della pelle che sono stati sviluppati specificamente per contrastare gli effetti della troppa luce blu. Nella sua linea, per esempio, Sturm porta un siero chiamato "Anti-Pollution-Drops", che utilizza estratti di microrganismi marini, una pianta antiossidante chiamata Purslane e semi di cacao per proteggere la pelle dalle influenze ambientali dannose e contrastare i segni di "invecchiamento digitale“.

In che misura lo stress psicologico influisce sulla mia pelle?

Christoph Liebich può in parte vedere dalla pelle dei suoi pazienti che il mondo e quindi i pensieri delle persone sono dominati da una pandemia. "Tutte le malattie croniche della pelle, che sono anche innescate dallo stress, ora si presentano più frequentemente", dice. Vede più pazienti con l'herpes zoster, con forti attacchi di neurodermite o psoriasi. "Queste condizioni preesistenti stanno peggiorando perché è semplicemente troppo per le persone da affrontare".

Oltre al trattamento medico, Liebich raccomanda di rendere la vita quotidiana il più "normale" possibile e di attenersi alle routine dei tempi pre-corona. "Chiunque sia solito alzarsi alle otto dovrebbe continuare a farlo nonostante l'ufficio a casa. Chi fa normalmente sport al mattino dovrebbe continuare a fare esercizio anche senza palestra".

Ai suoi occhi, evitare lo stress include anche "l'igiene della corona" in termini di consumo di notizie, dice Liebich. "Guardate il 'News Show' la sera, e poi va bene. Le notizie non dovrebbero determinare l'intera routine quotidiana".

 

Abbonati alla nostra newsletter, per non perdere le tue idee!

Inhaltsverzeichnis