Invertire il processo di invecchiamento? Ha funzionato!

Invertire il processo di invecchiamento? Ha funzionato!

Inhaltsverzeichnis

Il nostro sistema immunitario sembra giocare un ruolo decisivo nel processo di invecchiamento insieme ai sintomi che lo accompagnano. I ricercatori di Berna lo hanno confermato - e hanno invertito il processo d'invecchiamento nei topi.

Prima o poi l'industria cosmetica con il suo redditizio ramo anti-età dovrà riorientarsi. Forse agli specialisti della terapia cellulare? Approcci scientifici dalla Svizzera mostrano che questo potrebbe essere promettente. I ricercatori sono effettivamente riusciti a ringiovanire gli animali.

Per capire come hanno fatto, bisogna prima guardare cosa significa effettivamente l'invecchiamento. Questo include non solo l'aumento delle rughe tra la zazzera di capelli e lo zio grande, ma anche un sistema immunitario che non funziona più così bene. Inoltre, è stato a lungo sospettato, e ora è stato confermato dal team di ricerca, che l'invecchiamento è un istinto intestinale. Per essere più precisi, il grasso addominale, che è responsabile dello sviluppo di infiammazioni croniche sottosoglia. E queste contribuiscono significativamente al processo di invecchiamento e ai sintomi che lo accompagnano.

Il sistema immunitario perde l'equilibrio

Per scoprire perché è così, bisogna guardare ancora più da vicino - ed è qui che entra in gioco di nuovo il sistema immunitario. Certe cellule immunitarie - gli eosinofili - fanno parte del nostro sistema immunitario, e combattono i parassiti, per esempio, ma diminuiscono con l'età. Ma la proporzione di cellule spazzino giganti aumenta. Anche loro fanno parte del sistema immunitario, si chiamano in realtà macrofagi, ma promuovono l'infiammazione. Il sistema immunitario è quindi un po' sbilanciato, il che porta a un focolaio cronico di infiammazione nel grasso addominale e, come già detto, favorisce a sua volta il processo di invecchiamento.

Invertire il processo di invecchiamento? Ha funzionato!
Il topo cade nella fontana della giovinezza - Invertire il processo di invecchiamento?

Il topo cade nella fontana della giovinezza

Così il team ha tratto la conclusione logica: Se è possibile ripristinare l'equilibrio tra le cellule immunitarie, sarebbe come fare un salto nella fontana della giovinezza? Detto fatto, ma solo nei topi le cui cellule immunitarie del grasso addominale hanno una composizione molto simile. "In esperimenti sperimentali siamo stati in grado di dimostrare in modo impressionante che nel modello di topo trasferimenti di eosinofili da animali giovani a destinatari anziani possono sopprimere l'infiammazione non solo nel grasso addominale, ma in tutto il corpo", riferisce Alexander Eggel del Dipartimento di Ricerca BioMedica all'Università di Berna . E questo ha portato al fatto che l'intero topo è diventato significativamente più giovane: Nei test di resistenza e di forza di presa, erano significativamente più in forma. E anche il sistema immunitario funzionava di nuovo meglio.

E sì: il prossimo passo è testare come queste scoperte possano essere applicate agli esseri umani. La pandemia del Covid 19, in particolare, mostra quanto sia vulnerabile una parte della popolazione e quanto sia fragile la stabilità dell'intero sistema sanitario. È abbastanza possibile che una terapia cellulare ringiovanente possa aiutare - e anche portare ad una migliore qualità di vita nella vecchiaia. Fino ad allora, l'unico modo per aiutare Gamma di cura della pelle Biotulin Anti-Aging per ridurre con successo le rughe, prevenire nuove rughe sul viso e mangiare una dieta sana, per esempio il delizioso Dieta mediterranea.

P.S. Nessun esperimento sugli animali è stato condotto sui prodotti per la cura della pelle anti-invecchiamento di Biotulin. Tutti i prodotti Biotulin sono privi di test sugli animali.

*Link e informazioni sullo studio

Lo studio è stato pubblicato con il titolo Eosinofili regolano l'infiammazione del tessuto adiposo e sostengono la forma fisica e immunologica in età avanzata nella rivista Nature Metabolism il 6 luglio. Lo studio ha coinvolto gruppi di ricerca del Dipartimento di Ricerca BioMedica (DBMR) e del Dipartimento di Patologia dell'Università di Berna e dell'Inselspital, Ospedale Universitario di Berna. DOI: 10.1038/s42255-020-0228-3

 

Abbonati alla nostra newsletter, per non perdere le tue idee!

Inhaltsverzeichnis